Italiano

PRESENTAZIONE DEI GRUPPI

La situazione delle classi in merito alla partecipazione, alla motivazione e all’interesse è molto buona. I bambini si dimostrano entusiasti, curosi e attivi e aspettano con ansia la lezione d’italiano.

METE EDUCATIVE

La Scuola dell’Infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell’identità, dellautonomia e della competenza del bambino, affinché:
• impari a sentirsi sicro nell’affrontare nuove esperienze in un ambiente sociale allargato;
• acquisti la capacità di interpretare e governare il proprio corpo;
• artecipi alle attività nei diversi contesti, comunicando sensazioni, sentimenti,interessi, ecc.
• abbia fducia in sé e si fidi degli altri;
• esplori la realtà e comprenda le regole della vita comunicativa quotidiana.

COMPETENZE DISCIPLINARI DA SVILUPPARE ATTRAVERSO IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO
1. Comprendere i messaggi e le richieste degl insegnanti.
2. Strutturare correttamente la frase semplice.
3. Interagire in modo semplice, ma pertinente per rispondere a domande personali e inerenti al proprio contesto di vita relativi alla famiglia, la scuola, ecc.
4. Comprendere ed usare il linguaggio mimico- gestuale.
5. Ascoltare e comprendere il senso di una semplice storia.
6. Memorizzare e ripetere semplici poesie, filastrocche o canzoni.
7. Discriminare e denominare i colori fondamentali.
8. Padroneggiare abilità motorie in situazioni diverse.

METODOLOGIA
• Conversazioni libere e guidate
• Giochi spontanei e guidati
• Giochi mimico gestuali e simbolici
• Giochi motori
• Attività grafico-pittoriche
• Attività manipolative
• Canzoni e filastrocche
• Osservazioni e discussioni
• Rispetto dei processi naturali di apprendimento/acquisizione
• Mportanza della motivazione (molteplicità di imput motivazionali)

STRUMENTI E SUSSIDI
Per conseguire gli obiettivi stabiliti si useranno i seguenti strumenti:
• Canzoni, poesie, filastrocche, ecc.
• Giochi in materiale cartaceo
• Schede illustrate e fotocopie
• Pennarelli, acquarelli, matite colorate
• Maschere
• Giocattoli
• Cartelloni murali

VERIFICHE E VALUTAZIONE
1. Osservazione e riflessione sui dati che emergono dalle caratteristiche dei bambini.
2. Valutazione complessiva dell’interazione insegnante/bambino-bambino/insegnante.
3. Osservazione dei bambini in situazione ludica spontanea.
4. Rilevazione delle prestazioni dei bambini in diverse situazioni di impegno didattico (es. Lavoro guidato, autonomo, efettuato singolarmente o in gruppo).

BIBLIOGRAFIA
• “Sillabo per i cinque gradi del corso di lingua e cultura italiana per stranieri”(Minciarelli- Comodi)
• “Le sfide di babele. Insegnare le lingue nelle società comlesse”.(Balboni)
• “Ambarabà”(Codato-Cravedi-Dorigatti-Viola)
• “Oh che bel gioco!”(Novembri-Rossi)
• “La vispa Teresa”(Varnavà-Cucchi)

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *